Vai al contenuto

Da brava urbinate e da appassionata di giardini dico che avrei desiderato questo giardino per me. Mi rallegro che io abbia potuto progettarlo, facendolo diventare anche un po' mio. Se è così accurato nei dettagli, devo ringraziare i proprietari che hanno voluto realizzarlo al meglio. Clienti e collaboratori a tutti gli effetti. Grazie ragazzi!

Il giardino prima dell'intervento

Il giardino è un giardino pensile contenuto da un alto muro in mattoni che lo separa dalla strada. A ridosso del muro, un blocco di cemento funge da contrafforte: era impossibile eliminarlo per cui è diventato l'elemento centrale della progettazione. La vista infatti dall'estremità ovest del giardino è strepitosa:

La vista dall'angolo ovest del giardino

L'idea è stata dunque quasi scontata: una panca per osservare i Torricini ed un vaso al posto del parapetto sul lato verso la strada.

La prima proposta a schizzo sopravvissuta ad un volo nell'aria di Urbino e a diversi giorni nella bottega di un falegname
Confronto: prima e dopo la realizzazione della panca, del vaso e della struttura per rampicanti sullo sfondo

Per superare il primo dislivello tra il piano del prato principale ed il percorso che porta al terrazzino al piano superiore, sono state realizzate delle scale in rovere trattato. Il percorso è accompagnato da un bordo misto di agli, salvie, lavande, rose, tappezzanti varie (le piante sono state messe a dimora nell'autunno 2017 per cui ancora sono piccole e poco voluminose: altro effetto faranno nei prossimi anni).

Le scale in rovere ed il dettaglio del vaso che raccorda i piani ed ospita una rosa rampicante (con poche spine!)
Bordo misto lungo il muro che porta al terrazzino
Il giardino visto dal terrazzino
Piccola scarpata con aromatiche (lavande, rosmarino, elicriso, timo) e rose bianche sul retro
Pianta e prospetto del vaso e della panca con diverse proposte di combinazioni della vegetazione a scelta del cliente
Il vaso con bossi a sfera, salvia nemorsa, agli, campanule, tulbaghia. E la vista mozzafiato!
Il giardino visto dall'alto a metà maggio
Le piantine nel vaso quindici giorni dopo le prime fotografie
La vista sui Torricini in una giornata di sole

Schizzi preparatori. Sono della vecchia scuola....

 

Finalmente un giardino contemporaneo per una bella villa contemporanea! I proprietari, giovani, pieni di iniziativa ed entusiasti (insomma, i clienti giusti) si sono lasciati guidare verso un giardino che fonde le nostre tradizioni mediterranee (sono state utilizzate lavande, elicriso, rosmarini, santoline, Centranthus...) con le nuove tendenze dei giardini naturali costituiti da graminacee e perenni. L'effetto a me piace tanto!

La scarpata nella sua prima primavera

Dettaglio delle fioriture primaverili
Il giardino in aprile si sta svegliando (dettaglio delle prime fioriture) ed ancora è evidente il telo.
A giugno, le erbacee perenni, hanno già riempito tutti gli spazi!
La scarpata in giugno
Dettaglio della Stipa con Allium sphaerocephalon ed Achillea filipendulina

 

La scarpata a settembre
La siepe di carpino sullo sfondo deve accestire (messa a dimora qualche mesi prima della foto). In compenso le le erbacee perenni sono gonfie di vitalità (settembre 2018). (Il prato ancora è da sistemare)
La scarpata in maggio 2019

 

Un quadrato di giardino per evitare che le persone taglino attraverso il prato per entrare in casa (settembre 2018)
Il quadrato appena messo a dimora
Lo stesso quadrato nel giugno 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono arrivata in questo giardino tramite Luca Amadori, collega, perito agrario e giardiniere. La piscina era in fase di costruzione ed il proprietario desiderava creare attorno ad essa un giardino roccioso per ospitare la sua collezione di cactacee e succulente in genere. Su proposta di Luca sono stati utilizzati dei grandi cogoli che raccordassero i vari piani del giardino. Le piante grasse sono state inserite negli interstizi delle pietre, utilizzando un doppio vaso che consentisse di estrarle in inverno per riporle all'interno.

Sono state fatte due proposte: la prima riprendeva le linee pulite e nette della piscina, la seconda invece, quella preferita sia dal cliente che da Luca, ipotizzava linee più "naturali".

La piscina in costruzione
Prima ipotesi: planimetria a schizzo
Schizzo d'insieme prima proposta
Planimetria a schizzo (seconda proposta)
Schizzo d'insieme (seconda proposta)
Scheda della vegetazione
La piscina ed il giardino appena terminati

 

Lo spazio prima del progetto. Si tratta di una struttura per ragazzi con problemi psichiatrici in cui lo spazio esterno sul retro e sui lati è stretto e delimitato da un'alta recinzione.
Lo spazio prima del progetto. Si tratta di una struttura per ragazzi con problemi psichiatrici in cui lo spazio esterno sul retro e sui lati è stretto e delimitato da un'alta recinzione.
La proposta progettuale a schizzo. L'intento è quello di lasciare scivolare lo sguardo (almeno quello!) verso il paesaggio esterno.
La proposta progettuale a schizzo. L'intento è quello di lasciare scivolare lo sguardo (almeno quello!) verso il paesaggio esterno.
Un quinta di bambù nasconde la cabina degli impianti.
Un quinta di bambù nasconde la cabina degli impianti.
Durante i lavori
Durante i lavori

20150629_162844

20150629_163037

20150629_163045

Sono arrivata in questo delizioso agriturismo quando gli spazi esterni erano già stati sistemati con grande gusto dai proprietari. Mi è stata richiesta una consulenza per rinverdire delle scarpate e per aggiungere lunghe fioriture estive. Io e Tiziana (la proprietaria) ci stiamo ancora lavorando per renderlo di anno in anno più ricco ed aggraziato di quanto non lo sia già. Si incontrano persone speciali a volte e Tiziana è una di queste.

Le prime proposte
Le prime proposte

2-vegetazione-lato-lungo

La scarpata fiorita in ottobre
La scarpata fiorita in ottobre (2016)
Le piante ricadenti (rosmarini prostrati, pervinche e rose) nel tempo copriranno la palificata in pali di castagno
Le piante ricadenti (rosmarini prostrati, pervinche e rose) nel tempo copriranno la palificata in pali di castagno (esistente)
Le prime piantine messe a dimora nel 2015
La scarpata a maggio, pronta ad ospitare altre piantine appena arrivate
La scarpata a maggio 2016, pronta ad ospitare altre piantine appena arrivate
La stessa scarpata a fine maggio 2017

Da fine agosto ad ottobre, gli eleganti anemoni giapponesi danno luce al giardino (foto di un ottobre uggioso)
Da fine agosto ad ottobre, gli eleganti anemoni giapponesi danno luce al giardino (foto di un ottobre uggioso - 2016-)
i miei anemoni giapponesi in una giornata assolata di settembre
i miei anemoni giapponesi in una giornata assolata di settembre
Luglio: salvie, stachys e tulbaghia dopo tre mesi dalla messa a dimora
Luglio 2016: salvie, stachys e tulbaghia dopo tre mesi dalla messa a dimora
In ottobre
In ottobre (2016)
Maggio 2017

Gerenium e ortensie (maggio 2017)

Progetto e realizzazione di giardino privato nei pressi di Urbino.schizzo d insieme

  • Dimensioni del giardino: 1500 mq circa.
  • Caratteristiche del giardino: Zona collinare, giardino in scarpata.
  • Durata del progetto: progetto maggio-luglio 2015; realizzazione ottobre-novembre 2016.
Riferimenti progettuali per la scelta degli alberi
Riferimenti progettuali per la scelta degli alberi

 

02- Viale Cipressi

 

Giardino d'ingresso prima della nuova realizzazione
Giardino d'ingresso prima della nuova realizzazione
20151022_160900
Gli scavi per l'irrigazione nel giardino d'ingresso
20160506_161232
Il giardino in ingresso in maggio (primo anno)
20160506_162157
Il bordo di rose ed erbacee perenni
Giardino d'ingresso a giugno (primo anno)
Giardino d'ingresso a giugno (primo anno)
Giardino d'ingresso dall'alto (giugno)
Giardino d'ingresso dall'alto (giugno)
Bordo misto verso valle (giugno)
Bordo misto verso valle (giugno)
20160506_161256
Particolare dell'aiuola verso valle con rose, stachys, lavande, salvie
L'aiuola a valle in giugno del secondo anno
L'aiuola a valle in giugno del secondo anno
La scarpata sul retro prima del progetto
La scarpata sul retro prima del progetto
20151105_124933
La scarpata durante la messa a dimora delle piante
La scarpata in aprile (primo anno)
La scarpata in aprile (primo anno)
La scarpata in maggio (primo anno)
La scarpata in maggio (primo anno)
Scarpata retro maggio (primo anno)
Scarpata retro maggio (primo anno)
Particolare della scarpata (maggio)
Particolare della scarpata (maggio)
Dettaglio fioriture a maggio
Dettaglio fioriture a maggio
Scarpata sul retro a giugno del secondo anno

La scarpata sul retro a giugno del secondo anno (2017)
Cisti, lavande, rose, phlomis

 

Rosa Paul's himalayan musk
Il giardino in ingresso (giugno 2017)

Giardino in ingresso a maggio 2017

 

La informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo sito web, Lucia Falcioni, in qualità di titolare del trattamento, utilizza diversi tipi di cookie, tra cui: 1) Cookies tecnici o analitici prima parte 2) Cookies analitici di terze parti anonime; 3) Cookies analitici di terze parti non anonime; Nella pagina della informativa estesa “ Cookie policy” che trovate all’indirizzo web www.luciafalcioni.it sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’istallazione di qualunque tipologia di cookie. Cliccando su “ACCETTO” o continuando la navigazione, dichiara di aver compreso le modalità nell'informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Reg. (UE) 2016/679. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi